Soapy Christmas 2018

Anche se molti di noi hanno ancora le infradito ai piedi e il telo da mare a portata di mano, la saponaia previdente (e con chiari sintomi di saponite acuta) pensa già al Natale. Certo, perché il tempo di stagionatura e’ fondamentale per il sapone e noi non vogliamo certo regalare ai nostri cari un sapone molliccio o peggio ancora non pronto all’utilizzo. Forse alcuni di voi staranno pensando che magari qualcuno dei vostri ‘cari’ si meriterebbe un sapone del genere, ma il cuore di una vera saponaia sa bene che per nessuna ragione al mondo si deve cedere alla tentazione di donare a qualcuno un sapone non pronto! Non abbiamo certo fatto alcun giuramento ufficiale, ma quando ho letto il mio primo manuale sulla saponificazione (Garzena-Tadiello) ho solennemente promesso -poggiando la mano destra sulla copertina – che mai al mondo avrei usato o regalato un sapone prima delle canoniche 6 settimane di stagionatura. Amici e amiche, a conti fatti e’ ora di mettersi al lavoro, così ecco a voi Soapy Christmas 2018.

Quando realizzo saponi a tema mi concentro su due cose: usare una ricetta che tenga un nastro liquido abbastanza a lungo da permettermi di creare decorazioni e colori diversi e realizzare un progetto ben preciso prima di iniziare. Carta e penna per stabilire quanta pasta di sapone mi serve per ciascun colore, scelta dei colori e delle decorazioni per la superficie superiore del sapone, fragranza. Le decorazioni superiori le ho realizzate la settimana prima facendo una saponata semplicissima 50% cocco e 50% oliva. Così ho dato vita a stelline, alberelli di Natale, mele, ecc.

Per il sapone vero e proprio ho invece usato la seguente ricetta

Olio di oliva 700 g

Olio di cocco 300 g

Acqua 300 g

Idrossido di sodio 140 g (sconto 6.5%)

Mica oro

Mica verde

Mica rossa

Fragranza mela e cannella (e che Natale sia….)

Il giorno dell’assemblaggio ho fatto una saponata e l’ho divisa nei vari colori: oro per fare uno strato in basso, verde e rosso per realizzare con il resto della pasta lasciata naturale uno swirl in the pot. Ho colato lo swirl sulla base oro, decorato la superficie con uno stecchino e ho posato sopra le stelline, gli alberelli, le mele, ecc.

Tutto realizzato molto a sentimento, nulla di complicato…basta solo un po’ di fantasia e il sapone di fa da se’!

Adesso tocca aspettare fino a Natale! Spero che questo sapone strapperà un sorriso a chi lo riceverà in dono…a me lo ha già strappato! Soapy Christmas !!!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.